LE MIE PAGINE

Cerca nel blog

venerdì 14 gennaio 2011

TORTINO DI CARNE ED ERBETTE (secondi,carne,lombardia )

E’ una settimana che sono a casa e ancora il mio frigorifero vive della spesa quotidiana ma oggi mi sono ripromessa di fare rifornimento di alimenti , da quelli  necessari a quelli che rinfrancano lo spirito , la mia voglia di cucinare e le mie curiosità ; dal supermercato al negozio bio, dalle spezie sfuse al carretto per frutta e verdure.
E quindi ieri sera pensavo :  cosa cucinooo ???
Avevo giusto giusto del lesso fatto il giorno prima e altre cosine ..in poche parole gli ingredienti per i Modeghili (le mitiche “polpette” milanesi)  ma non avevo voglia di friggere…e allora ??
Ok, faccio il tortino della nonna-mamma , ha quasi gli stessi ingredienti dei mondeghili e va cotto in forno !

TORTINO DI CARNE CON ERBETTE
  • 500 gr di lesso ( anche carne trita fresca )
  • 100 gr di luganega senza budello
  • 2 cucchiaiate di grana grattuggiato
  • 2 uova
  • 500 gr circa di erbette
  • 1 cucchiaio di prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • pane grattato e latte (se occorre)
  • burro, noce moscato, pepe, sale. 

Innanzitutto preparare macinata la carne insieme alla luganega e lessate le erbette.
In una ciotola mettere la carne con la luganega, il grana, il prezzemolo, 1 spicchio di aglio tritato , le uova e la noce moscata ; regolare di sale e pepe.
Mescolare finchè il composto è ben amalgamato e di consistenza morbida ( se fosse troppo molle aggiungere il pane grattato imbevuto di latte ) .
Prendere una padella, far sciogliere nel burro l’altro spicchio di aglio ( intero questa volta ) e quando il burro ne sarà insaporito toglierlo, mettere le erbette lessate e  non troppo strizzate e  lasciar cuocere qualche minuto.
In una ceramica da forno far sciogliere del burro quindi stenderci sopra le erbette e  sopra ancora  sistemare il preparato di carne .
Infornare a 170° non ventilato e cuocere finchè non lo vedrete prendere colore in superficie; nel caso non lo si veda cotto ( mi sembra difficile però ) coprirlo con carta alluminio e cuocere ancora un pochino. L’unico rischio in questa ricetta è che non si controlli il grado di umidità della carne e che alla fine possa risultare “asciutta” , per quello che eventualmente va coperta ancora prima della probabile  fine  cottura.
Servire caldissima ovviamente nella stessa ceramica.


6 commenti:

  1. Ti confesso che dalle foto sembra veramente buonissimo........un bacino e ripassa a trovarmi.....stefy

    RispondiElimina
  2. Che bella, belli anche gli ingredienti.. la carne nelle polpette ( o nella terrina che fai tu) la preferisco decisamente già cotta. Ho provato ad usare del macinato crudo per far le polpette e ho scoperto che nn mi piace. Brava! ;)

    RispondiElimina
  3. care signore potete anche usare il macinato di tacchino,molto più fine e delicato,insieme agli altri ingredienti e ad una melenzana lessa e schiacciata!naturalmente il tegame va imburrato e rivestito di pangrattato!!mmmmhhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Caro anonimo, tutti i suggerimenti sono sempre ben accetti ma come avrai letto il mio intento è portare alla luce ricette sempre esistite nel passato anche remoto della mia famiglia e ne consegue nella zona lombarda e sicula......la melanzana cade a fagiolo :))
      A presto

      Elimina
  4. Ora devi spiegarmi cos'è la luganega!!! :-) interesante!!!

    RispondiElimina